Classe 1983, laureato in lettere moderne presso l’Università degli Studi di Pavia, sotto la guida del prof. Claudio Longhi, e diplomato presso l’Istituto Universitario di Studi Superiori, è ora cultore della materia in letteratura italiana nell’ateneo pavese, dove, seguito dal Chiar.mo prof. Renzo Cremante, ha discusso la sua tesi di dottorato di ricerca, riguardante la ricezione moderna in Italia della tragedia attica. È autore di saggi di letteratura teatrale e di storia del teatro, con particolare riguardo al periodo risorgimentale, al Novecento, e al tardo Rinascimento. Tra i suoi contributi: Appunti sul “regista-professore”: Squarzina in Università (2014, atti del convegno su Luigi Squarzina promosso dall’Accademia dei Lincei e dalla Fondazione Giorgio Cini), Note intorno alla poesia per attore: versi a Gustavo Modena (2012), Fantesche, dame e regine. Due esempi di fenomenologia del femminile «en travesti»: Leone de’ Sommi e Flaminio Ariosti (2011, atti del convegno internazionale sulle donne nel teatro del Rinascimento europeo promosso dall’Università di Valencia). Sul fronte della pratica teatrale, dal 2007 collabora stabilmente, in qualità di assistente alla regia, con Claudio Longhi, per cui ha lavorato, tra l’altro, presso Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma, Teatro Stabile di Torino e l’Istituto Nazionale del Dramma Antico. Durante le ultime due stagioni è stato coordinatore e regista assistente del progetto Il ratto d’Europa (2013 e 2014, co-produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro di Roma). È stato coordinatore, insieme a Claudio Longhi, del progetto di alta formazione artistica Raccontare il territorio: per un’idea di teatro condiviso, promosso da ERT Fondazione, Accademia Filarmonica di Bologna e CUBEC Accademia di Belcanto di Mirella Freni (2013-2014). Nell’autunno 2014 ha lavorato nella commissione artistica-organizzativa del progetto Beni Comuni Un teatro partecipato, per una cultura condivisa, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e promosso dal Comune di Carpi in collaborazione con ERT Fondazione e ATER.