Classe 1983, è un attore e un formatore. Ha collaborato con il Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania e con il Teatro Biondo Stabile di Palermo, dove ha lavorato, in qualità di attore e co-drammaturgo, allo spettacolo Le voci di Didone, protagonista Galatea Ranzi. Presso l’Università di Messina-Consorzio Universitario del Mediterraneo Orientale dirige il gruppo “Formattattori” e il laboratorio di “Metodologie e Tecniche Teatrali d’Intervento Educativo e Formazione”. Negli ultimi anni ha collaborato con l’Istituto Nazionale del Dramma Antico, recitando in Antigone, Edipo a Colono, Aiace, Lisistrata, Filottete, Prometeo, e lavorando, tra gli altri, con Irene Papas, Giorgio Albertazzi, Massimo Popolizio e Claudio Longhi, di cui è stato anche assistente alla regia per il Prometeo. Attualmente è docente presso l’Accademia del Dramma Antico dell’I.N.D.A., per la quale ha curato le messe in scena Prometeo e il dono del fuoco e Risveglio di Primavera. Durante le ultime due stagioni ha lavorato al progetto Il ratto d’Europa (2013 e 2014, co-produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro di Roma). È stato formatore per il progetto di alta formazione artistica, promosso da ERT Fondazione, Accademia Filarmonica di Bologna e CUBEC Accademia di Belcanto di Mirella Freni, Raccontare il territorio: per un’idea di teatro condiviso (2013-2014). Nell’autunno 2014 ha lavorato nella commissione artistica-organizzativa del progetto Beni Comuni Un teatro partecipato, per una cultura condivisa, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e promosso dal Comune di Carpi in collaborazione con ERT Fondazione e ATER.